Storia degli Italiani, vol. 06 (di 15) - 30

Qui ex diversitate scientiæ atque intellectus, per diversa tempora
eadem negotia atque similia, aliter alteri, et omnino e contra quam
illi judicaverint; unde Pisani, qui fere præ omnibus aliis civibus
justitiam et æquitatem semper observare cupierunt, consuetudines suas,
quas propter conversationem quam cum diversis gentibus habuerunt, et
hucusque in memoria retinuerunt, in scriptis statuerunt redigendas,
pro cognitione eorum ea scire volentium. Qua de causa et nos, et ante
nos quamplurimos alios sapientes civitatis elegerunt, qui hoc sub
sacramento faceremus, et corrigenda corrigeremus, atque causas et
quæstiones consuetudinum a causis et quæstionibus legum discernendo
redigeremus in scriptis. Quorum statuta in scriptis redacta, sunt
appellata constituta, quasi a pluribus statuta, et etiam a civitate
recepta et confirmata. Ex quibus hoc volumen compositum a nobis et
confirmatum consulibus justitiæ, scilicet, Rainerio de Parlascio et
Lanfranco, pro se et suis sociis, scilicet Lamberto Grasso de Sancto
Cassiano, Boccio Cocco, Henrico Friderici Bulso, olim Petri Albithonis,
et Sysmundo quondam Henriqui Nithonis, per publicationem obtulimus et
dedimus. Anno incarnationis Domini_ MCLXI, _indictione_ IX, _pridie
kalendas januarii, regnante domino Friderico felicissimo atque
invictissimo imperatore nostro et semper augusto._
_Extra quod volumen si quod aliud constitutum de usibus scriptum
inveniatur, auctoritatem non habere constituimus, nisi super factis
secundum sua tempora; servata et in eis constitutione hac_ Sicut lege
et constitutiones, etc.; _non tamen occasione hujus constitutionis in
factis futuris ab hinc in antea vel ex quo illud constitutum emendatum
vel sublatum fuerit protrahatur._
Su quegli statuti hanno fatto studj i Dal Borgo, il Valsecchi, il
Targioni-Tozzetti, il Savigny, ecc., e più profittevoli il Bonaini.
* Lo statuto dei Consoli del 1162 da lui pubblicato, non è il più
antico. V’era un podestà nel 1190, e lo statuto di questo è più ampio
perchè comprende gli statuti particolari.
Daiberto tra il 1088 e il 1092 _episcopus Pisanorum_, aggiuntisi
per socj i valorosi e sapienti Pietro Visconti, Rolando e Stefano
Guinizone, Mariniano, Alberto; considerando l’antica peste della
città pisana la superbia, per la quale faceansi quotidiani omicidj
innumerevoli, spergiuri, incesti, principalmente in occasione di
distrugger case e altri mali assai, col consenso e il lodo de’
sopradetti uomini, e di tutti gli abitanti di Pisa, di Borgo e
Chinzica, ordina qual deva esser l’altezza delle torri, sia su terreno
proprio, sia su feudale o ecclesiastico. E chi lo viola si abbia per
scomunicato, e guardinsi da lui come da eretico e dannato, nè abbiasi
comunione con lui in chiesa o in nave.
Del 1154 si ha il catalogo dei consoli, con autorità _a cuncto Pisarum
populo in publica contione concessa, clamante_ FIAT FIAT.
Nel Pisano aveano statuti proprj Calci, Vico, Buti, Marti, Palaja,
Peccioli, Piombino, Campiglia, Scarlino, Castiglione della Pescaja,
l’isoletta di Pianosa.
[35] Ap. MURATORI, _Ant. Estensi_, part. I. c. 17.
Dell’immunità riportiamo solo le parti principali: _In nomine sancte et
individue Trinitatis. Otto gratia Dei imperator augustus etc. Agnoscat
universitas nostrorum fidelium... qualiter nos, pro Dei omnipotentis
amore, nostrarumque animarum remedio inclinati precibus Huberti
episcopi, dilecto fidelique nostro, per hoc nostrum preceptum donamus,
concedimus atque largimur omnibus sacerdotibus, levitis, universis
sacris ordinibus, Luce civitati commorantibus, seu etiam suburbanis,
ut deinceps in antea a nullis magnis parvisque personis ad secularia
judicia pro qualicumque controversia examinentur vel distringantur
nisi ab eorum presule, et ut illis in domibus eorum aliqua invasione
audeat inferre, vel tributum, seu etiam superimpositum iisdem
sacerdotibus etc... a quaqua persona minime imponatur vel requiratur;
et ne aliquis audeat se intromittere sine legali judicio in universis
suppellectilibus eorum, sive in servis etc. Insuper concedimus ob
nostram imper ialem dictionem omnibus sacer dotibus... ut eorum
advocatus non aliter, nisi solus juret, sine ulla contradictione, sicut
in sancta romana ecclesia agitatur... Et ita sane precipientes jubemus,
ut nullus dux, sive marchio... audeat se ultro ingerere in omnibus
casis et rebus jam superius prenotatis, vel etiam eis servitia, aut
injurias inferre..._ Segue la pena _auri optimi libras centum_ contro i
violatori, da pagarsi per metà _camere nostre, et medietatem predictis
sacerdotibus... Quod ut verius credatur, diligentiusque ab omnibus
observetur, manibus propriis roborantes annuli nostri impressione
insigniri jussimus._ — _Signum domini Ottonis serenissimi imperatoris._
Ecco pure il diploma di Ottone II: _Ob amorem Dei, tranquillitatemque
fratrum in Lucensi ecclesia famulantium, atque sub ipsius diæcesos
degentium libenter concedere placuit, et hoc nostre auctoritatis
preceptum immunitatis, atque tuitionis gratiam erga eandem ecclesiam
fieri decrevimus, nominative de custodibus, castellis, monasteriis,
plebibus, cellulis, aldionibus et aldiabus, servis et ancillis,
piscationibus, aquis, aquarumque ductibus, pratis, vineis, campis
etc... Precipientes quapropter jubemus, ut nullus dux, marchio, comes,
vicecomes, judex publicus, aut gastaldus, vel quilibet ex judiciaria
potestate, in cellulas, aut ecclesias, vel domos clericorum, curtes,
seu villas, aut loca, vel agros, castella, seu reliquas possessiones
memorate ecclesie.... ad causas audiendas, vel freda exigenda, aut
mansiones vel paratas faciendas, aut fidejussores tollendos, aut
homines ipsius ecclesie tam ingenuos quam servos distringendos, aut
ullas redibitiones... illicitasve occasiones requirendas, nostris
vel futuris temporibus ingredi audeat, vel ea que supra memorata
sunt, penitus exigere presumat; sed liceat memorato presuli, suisque
successoribus, sibi subjectis, vel omnibus ad se aspicientibus, sub
tuitionis atque immunitatis nostre defensione, remota totius judiciarie
potestatis inquiet udine possedere. Tonsos vero, quos sua parochia...
et omnes homines in sua terra residentes, aut ad ejusdem terre castella
confugientes, ad jam dicti episcopi suorumque successorum veniant
judicium, et nulla imperii nostri magna parvaque persona habeat
potestatem ad distringendum, sed liceat ei ad vicem regie potestatis
eos distringere etc._ Memorie lucchesi.
[36] _Bullam plumbeam pro sigillo comunitatis._ PTOL. LUCENSIS, _Ann.
eccl._, lib. XIX.
[37] _Lucanis civibus pro bene conservata fidelitate eorum in nos,
et pro studioso servitio eorum, nostre regie potestatis auctoritate
concedimus, et concedendo statuimus, ut nulla potestas, nullusque
hominum murum lucensis civitatis antiquum seu novum in circuitu
dirumpere aut destruere presumat; et domos quæ intra murum hunc
edificate sunt vel adhuc edificabuntur, aut circa in suburbio, nulli
mortalium aliquo ingenio aut sine legali judicio infringere liceat.
Preterea concedimus predictis civibus ut nostrum regale palatium
intra civitatem vel in burgo eorum non edificent, aut inibi vi vel
potestate hospitia capiantur. Perdonamus etiam illis ut nemo deinceps
ab illis exigat aliquod fodrum et curaturam a Papia usque Romam, ac
ripaticum in civitate Pisa vel in ejus civitate. Statuimus etiam ut si
qui homines veniant in flumine Serculo vel in Motrone cum navi causa
negotiandi cum Lucensibus, nullus hominum eos vel Lucenses in mari vel
in suprascriptis fluminibus eundo vel redeundo vel stando molestare,
aut aliquam injuriam eis inferre, vel depredationem facere, aut
aliquo modo hoc eis interdicere presumat. Precipimus etiam ut si qui
negotiatores veniant per stratam a Luna usque Lucam, nullus homo eos
venire interdicat, vel alio conducat, sive ad sinistram eos retorqueat,
sed secure usque Lucam veniant, omnium contradictione remota. Volumus
autem ut a predicta urbe infra sex milliaria castella non edificentur,
et si quis aliquis munire presumserit, nostro imperio et auxilio
destruantur. Et homines ejusdem civitatis vel suburbii sine legiptima
judicatione non judicentur. Et si aliquis civium predictorum predium
vel aliquam tricennalem possessionem tenuerit, si auctorem vel datorem
habuerit, per pugnam vel per duellum non fatigetur... Longobardus judex
judicium in jam dicta civitate vel in burgo aut placitum non exerceat
nisi nostra aut filii nostri presente persona, vel etiam cancellarii
nostri. In hac vero concessione sive largitione nostra sancimus ut
nullus _episcopus_, dux, marchio, comes, nullaque nostri regni persona
predictos cives in his concessis inquietare, molestare, disvestire
presumat._ Pubblicato dal Minutoli nell’_Archivio storico_, vol. X.
doc. 1.
[38] Questo giudicato si vedrà nel cap. LXXXV.
[39] _Documenti per servire alla storia lucchese_, vol. I. p. 174: —
_In nomine sanctæ et individuæ Trinitatis. Velfo dux Spoleti, marchio
Tusciæ, princeps Sardiniæ, dominus domus comitissæ Mathildis._
_Quia justum et rationi consentaneum videtur imperatorem, sive magnos
principes imperii, fidelium petitionibus condescendere suorum; idcirco
et ego, petitionibus fidelium et dilectissimorum suorum Lucensium
condescendere volens, Lucanæ civitati totoque ejus populo do, concedo
atque confirmo omnem ejus actionem, jurisdictionem, et omnes res quæ
quoquomodo mihi pertinent, vel ad jus marchiæ pertinere videntur,
vel ad jus quondam comitissæ Mathildis, vel quondam comitis Ugolini
pertinuerunt, tam infra Bechariam civitatem ejusque burgos, quam
extra infra quinque proxima milliaria prædictæ civitati, ab omni parte
ejusdem civitatis, exceptis fodris meorum vassallorum ex parte marchiæ,
vel prædicti comitis Ugolini. Præterea infra præfata quinque milliaria
proxima Lucanæ civitati ab omni parte non ædificabo aliquod castellum,
nec ædificare faciam. Pro qua mea datione et concessione consules vel
rectores qui pro tempore in dicta civitate fuerint, vel aliqua persona
pro subscripta civitate dare debeant mihi, vel meis successoribus
aut misso nostro, infra prædictam civitatem omni anno in quadragesima
infra proximos octo dies postquam a nobis vel a nostro nuntio literas
sigillatas ostendendo prædictis consulibus, vel rectoribus aut populo
denunciatum fuerit, solidos mille lucensium denariorum expendibilium,
et sic debeant facere et observare prædicti consules, vel rectores aut
aliqua persona pro civitate dehinc ad nonaginta annos. Et licet ego
sciam quod hæc mea concessio annuatim majorem redditum quam sit dictum,
et etiam ultra duplum promittat, tamen illam plenissima auctoritate
corroboratam per me et meos successores firmiter et incorrupte, sicut
dictum est, permanere constituo. Siqua vero persona contra hujus nostræ
concessionis et dationis paginam venire præsumpscrit, statuimus ut
libras centum auri componat, medietatem cameræ nostræ, et medietatem
prædictæ civitati. Ut autem hæc scriptura immutabili veritate et
stabilitate permaneat, sigilli nostri impressione insigniri jussimus,
et propria manu confirmantes subscripsimus._
_Acta sunt hæc in civitate Lucensi, anno incarnationis Domini_ MCLX,
VIII _idus aprilis, præsentibus vero testibus his, etc._
[40] Il diploma è del 5 maggio 1129: l’originale dovette perire come il
resto dopo la memorabile sollevazione del 1678, ma tutti gli storici
ne parlano, e mostrano tenerlo per vero, eccetto in pochi casi di
controversia. (Oggi alcuni l’impugnano).
[41] _Antiq. M. Æ._, v. 753.
[42] «In nome della santa ed indivisibile Trinità, Ottone per voler
di Dio imperatore augusto. Se assentiamo alle domande degli altri
nostri fedeli, molto più giustamente inclinar dobbiamo le orecchie
alle preci della diletta consorte nostra. Sappiano dunque tutti i
fedeli nostri e della santa Chiesa di Dio presenti e futuri, che
Adelaide imperatrice augusta moglie nostra invocò la nostra clemenza,
affinchè per amor suo gli abitanti dell’Isola Comacina e del luogo che
dicesi Menaggio ricevessimo sotto la nostra difesa, e confermassimo
coll’autorità nostra i privilegi che ebbero dagli antecessori nostri
e da noi stessi avanti l’unzione imperiale, cioè di non far oste, non
aver l’albergario, non dare la curatura, il terratico, il ripatico o
la decima nel nostro regno, nè andare al placito, se non tre volte
l’anno al placito generale in Milano. Tanto concediamo, ecc. Dato
all’VIII avanti le calende di settembre, anno dell’Incarnazione 962, I
dell’impero del piissimo Ottone, indizione V, in Como». _Ap_. ROVELLI,
_Storia di Como_, tom. II. (Oggi vuolsi dubitarne).
[43] UGHELLI, _Italia sacra_, tom. IV. col. 596.
[44] _Ea quæ sue locutionis proprietate comunia vocant._ Antiq. M. Æ.,
IV. 24.
[45] _Breve recordationis de Ardicio de Aimonibus._ Sul qual documento
io ho troppo dubbj.
[46] _Antichità Estensi_, part. I. c. 29. — _In nomine sancte et
individue Trinitatis. Velfo Dei gracia dux et marchio, Mathilda Dei
gracia si quid est. Justis petitionibus adquiescere, et nostros fideles
honoribus et commodis ampliare per omnia nostram condecet potestatem.
Quapropter omnium sancte Dei ecclesie, nostrorumque fidelium tam
futurorum quam presentium noverit industria, qualiter nostri fideles
mantuani cives nostram adierunt clementiam, quorundam suorum concivium
oppressiones relevari petentes, et erimannos omnes, et communes res
sue civitatis a nostris predecessoribus illis ablatas, sibi restitui
postulantes. Et nos, ob memorabilem eorum fidelitatem et servicium,
justis eorum precibus annuentes, omnes exactiones et violentias non
legales funditus deinceps abolendas, et radicitus extirpandas modis
omnibus decernimus et firmamus. Statuentes etiam, ut neque nos, neque
nostri heredes, neque ulla magna, parvaque nostre potestatis persona,
predictos cives in mantuana civitate, vel in suburbio habitantes, vel
deinceps habitaturos, de suis personis, sive de illorum servis, vel
ancillis, seu de liberis hominibus in eorum residentibus terra, vel de
ermanna, et communibus rebus ad predictam civitatem pertinentibus ex
utraque parte fluminis Mincii sitis, sive de beneficiis, libellariis,
precariis, investituris, seu etiam de omnibus eorum rebus mobilibus
et immobilibus adquisitis, vel adquirendis, inquietare, molestare,
disvestire sine legali judicio, vel ad aliquam publicam exactionem vel
functionem cogere presumat. Sed et neque in predicta civitate in domo
alicujus, vel in suburbio, in domo militis vel in caneva alicujus,
illis invitis, hospitari audeat. Insuper et illis restituimus omnes
res communes, parentibus illorum concessas per preceptum imperatorum,
scilicet nominative Saccam, Sepringenti et Carpenetam, et quidquid de
Armanorio nobis hucusque retinebamus, sive per cetera loca in comitatu
mantuano rejacentia, piscationes per flumina et paludes, scilicet
utrasque ripas fluminis Tartari, deinde sursum usque ad flumen Olei. De
alia parte usque in Fossam altam. De tertia parte usque in ecclesiam
sancti Faustini in caput Variana, et deinde seorsum usque in Agricia
majore. Ut liceat illis pabulare, capulare, secare, venari, et quicquid
juris ipsorum parentes antiquitus in illis habuerant. Decernimus etiam,
ut liceat omnibus predictis civibus et suburbanis per omnen nostram
potestatem secure ire et redire, sive per aquam et per terram quocumque
voluerint, ita ut nec theloneum, nec ripaticum dent. Et insuper illam
bonam et justam consuetudinem eos habere firmamus,_ QUAM QUELIBET
OPTIMA CIVITAS LONGOBARDIE OBTINET.
[47] _Antiq. M. Æ._, I. 730; e la nuova conferma fattane dal
Barbarossa, 732.
[48] _Pater ejus de ordine illorum, qui jura et leges civitatis
asservabant, fuit._ BOLLAND., _ad_ 28 _maj_. In una carta del 721
dell’archivio di Sant’Ambrogio è nominato Vitale suddiacono, _exceptor
civitatis Placentinæ_, cioè notaro. A un diploma del 1100 di Anselmo
arcivescovo di Milano, il clero vercellese soscrive:
_Hoc Vercellarum clerus decus ecclesiarum_
_Laudat _cum populo_ laudibus egregio._
PURICELLI, Monumenta ambrosiana, 289.
Così Aosta ebbe statuti nel 1118, pubblicati dal Cibrario; Capua nel
1109, dati dal Bonaini; Verona, decreti di consoli nel 1140.
[49] _Consulum epistolarum dictator._ Hist. Med., cap. 15.
[50] _Consulibus, capitaneis, omni militiæ universoque mediolanensi
populo. Civitas Dei inclyta conserva libertatem, ut pariter retineas
nominis tui dignitatem, qui, quamdiu potestatibus Ecclesiæ inimicis
resistere niteris, vere libertatis auctore Christo domino adjutore
perfrueris._ MARTENE, _Collect. vet. scriptorum et monumentorum_, tom.
I. p. 640. Si avverta come non vi si faccia motto dell’arcivescovo,
nè del clero. La prima menzione di consoli in Milano è nel 1100. Una
carta del 1109 dell’archivio di San Fedele di Como fu stesa _multis
adstantibus cumanis consulibus_.
[51] LANDULPHI SANCTI PAULI, cap. 31.
[52] Nell’897 il vescovo Adalberto costituisce il vivere comune de’
canonici dotandoli di molti beni, distratti dalla mensa vescovile; del
che delibera in concilio coi sacerdoti e tutto il clero d’essa chiesa,
_et reliquis nobilibus hominibus, qui eidem synodo intererant, tractans
cum eis de statu et soliditate ipsius ecclesiæ_. Nel 1000 il vescovo
Reginfredo fa molti doni ad essi canonici, ancora presenti _presbyteris
et diaconibus cum certa parte nobilium laicorum_. LUPO, _Cod. dipl.
Berg._, tom. I. 1059. 1064. Sorte poi controversie fra i canonici di
Sant’Alessandro e quei di San Vincenzo, nel 1081 il vescovo Arnulfo li
rappacificava _secundum consilium multorum clericorum, civium, extraque
urbe manentium sapientum et nobilium_.
[53] _De civibus autem præfatæ civitatis, Alberto Tozoni, Arimbaldo
Cozo, Petro de Curte regia, Adam de Castello, Lanfranco Nozo de
Polterniano, Lanfranco Ottoni, et insuper compluribus._ Cod. dipl.,
759.
[54] _Laude duodecim habitatorum qui electi fuerunt ad hoc, vel
laude comunitatis... laude duodecim consulum_. Nel 1167 essi conti,
sgomenti dai progressi della Lega Lombarda, confermarono ed ampliarono
tali privilegi ai vassalli e agli abitanti, obbligandoli al servizio
militare e al fodro e alla fedeltà a Federico. I Novaresi, appena
partito Federico, assediano il castello di Biandrate (1168) e si
obbligano a tenerlo distrutto, e non ricevere i conti _nec pro
habitantibus nec pro vicinis_. Monum. Hist. patriæ, I. 708. Sarebbe la
prima menzione _contemporanea_ di consoli.
[55] Del giuramento fatto prestare ai singoli membri d’un Comune
trovansi i processi qua e là; ed alla stampa, fra altri, indicheremo
quello con cui gli uomini del paese di Triora giurarono fedeltà
al Comune di Genova nel marzo 1261; i sottoscritti sono circa
trecentottanta. Nel _Liber jurium_, vol. I, pag. 1334.
[56] _Astensis ecclesiæ episcopus nostram efflagitans adiit
celsitudinem, quatenus sibi suaque ecclesiæ... secundum avi et patris
nostri præcepta... totum episcopatum astensem, cum integro districtu
civitatis, cum quatuor miliariis in circuitu, nostræ confirmationis
et donationis præcepto corroborare et largiri dignaremur... videlicet
quidquid ad publicum jus pertinet in thelonei et mercati redibitione,
seu aquatici atque ripatici... cum placitis et omnibus vectigalibus...
Volentes etiam jubemus, nullus habitator in castellis aut villis sui
episcopatus ad placitum alicujus comitis vel hominis, nisi ad episcopi
placitum aut sui nuncii vadant aut legem faciant_. Monum. Hist. patriæ,
vol. I., 289.
[57] Sotto l’invasione, una parte de’ vincitori collocossi in campagna,
formandovi Comuni villerecci (_pagus, gaue_), governati con leggi
tedesche; mentre altra parte della campagna spettava ai vinti e
regolavasi giusta il colonato romano, cioè rimanendo le persone libere
da servigi personali, e le terre in libero commercio, vendendosi e
affittandosi senza tampoco l’obbligo all’affittuario d’abitarle e
coltivarle. In que’ dei vincitori invece era stabilita la servitù della
gleba. Tal condizione diversa appare da molti documenti, e specialmente
da quelli che concernono la chiesa di Firenze e di Siena (Ap. RUMHOR,
pag. 7-24), e da altri presso lo stesso che riguardano la repubblica
sanese (pag. 25-41).
Firenze, costituitasi a Comune, cercò fiaccare i feudatarj. Essi
pertanto s’indussero a sminuire la propria potenza, esimendo i coloni
dai servigi personali, del che molti documenti adduce esso Rumhor dalla
metà del XII secolo a quella del XIII (pag. 42-82). O si precisavano i
servigi imposti, o vi si surrogavano prestazioni in generi, o i padroni
ripigliavansi parte delle terre lavorate dai coloni, a cui essi altra
parte ne lasciavano in compenso del diritto che il gius romano dava a
questi di non essere staccati dalla propria terra. Quindi nacquero in
Toscana molti piccoli possidenti campagnuoli. Le repubbliche favorirono
la redenzione dei coloni, e gli statuti ne sono pieni: Firenze nel 1289
ordinò l’intero loro affrancamento: ricomprò, l’anno seguente, i coloni
del Mugello dalla mensa arcivescovile e dal capitolo di Firenze.
Riscattati i coloni, le terre divennero di libera circolazione, e
quindi oggetto alle speculazioni de’ denarosi, che compraronle dai
coloni cui erano rimaste, e che le aveano suddivise per eredità: così
entrando ne’ mercanti la voglia di possedere, adoprandovi anche la
frode e la violenza. I comunelli di contadini, ch’eransi ordinati sui
monti accanto alle rocche feudali, ne scesero per vivere in mezzo al
podere. I signori che aveano riscattato i fondi, li diedero a coltivare
agli antichi coloni con diversi patti, fra’ quali è costante la cura di
mantener le piante di cui il fondo era vestito; cura che anche oggi è
capitale. Così vennero la colonia parziaria, la mezzerìa.
Questa nelle carte toscane appare stabilita verso il 1250. Ma pure non
mancano esempi di affitto semplice a prestazione certa e in generi o in
denaro.
Vedansi _Cenni storici delle leggi sull’agricoltura, dai tempi romani
fino ai nostri_, dell’avv. ENRICO POGGI, Firenze 1845.
[58] LAMI, _Memor. Eccl. florentinæ_, tom. IV.
[59] _Monum. hist. patriæ_, Scriptorum, III. 1569. 1614.
[60] _Storia di Imola_, inserita in quella di Lugo, lib. III. c. 15.
[61] _Atti dell’Acc. di Lucca_, tom. X. E nel 1195 vacando la chiesa
parrochiale a Montopoli, i consoli e il gastaldo supplicarono il
vescovo di Lucca, _loro signore_, ad eleggerlo, come fece, _quia sum
pro episcopatu patronus ejusdem ecclesiæ, et dominus illius terræ_.
Mem. lucchesi, IV. 2.
[62] _Antiq. M. Æ._, IV. 40.
[63] GHILINI, _Annali_. Milano 1666.
[64] Così il Villani e il Malaspina; ma gli eruditi arruffano.
[65] Flaminio Dal Borgo, nella _Raccolta di diplomi pisani_, 1765, pag.
186, reca una formola della conferita cittadinanza, che tradotta suona
così:
«Parendo giusto e salutevole che, quando uomini di buona fama
desiderano associarsi al consorzio della città di Pisa, e farsi
cittadini pisani, siano ricevuti con equa benignità dopo prestato
il giuramento di cittadinanza, e godano degli onori e privilegi dei
Pisani, in ogni luogo, io Opizzino, figlio di Sano di Bientina, giuro
sui santi vangelj di Dio che non sarò in consiglio od atto perchè la
città pisana perda l’arcivescovado, nè i suoi vescovi, nè il primato,
nè la legazione di Sardegna, nè l’onore e gli onori che ora ha o è per
avere. E se abiterò nella città o no, qualunque cosa mi sarà ingiunta
dal potestà, dai rettori, dal pretore, dai consoli, o da qualche
delegato o capitano per l’onore della città, o per le persone o per le
cose, sia direttamente o per nunzj o per lettere, senza frode lo farò
e osserverò. Quando sappia che alcuno voglia sminuir l’onore della
città, se lo potrò senza grave spesa, l’impedirò; se non potrò, lo
significherò ad alcuni dei predetti al più presto. Le persone e cose
de’ Pisani in terra, in acqua e dovunque possa difenderò. Le credenze
che da alcuno de’ suddetti per giuramento mi siano imposte, non
manifesterò. Queste cose per coscienza, senza frode osserverò, secondo
la consuetudine degli altri cittadini di Pisa; e n’ho rogato Stefano
giudice e notaro e cancelliere di Pisa.
«Fatto a Pisa fuor porta ecc. l’anno 1198 dell’incarnazione, indiz. XV,
al V dagli idi d’aprile».
E incontinente, alla presenza de’ medesimi testimonj rogati, il signor
conte Tedicio podestà del Comune e della città di Pisa, investì detto
Opizzino di tutti gli onori e privilegi, di cui godono i cittadini
pisani nella città e fuori, ne’ fondaci, nelle botteghe, nelle navi e
in qualunque luogo di terra e d’acqua, talchè ne goda come gli altri
cittadini pisani; e lo costituì e confermò cittadino pisano; e lui e
gli eredi e i beni suoi liberò da tutti i pesi rusticani, sicchè più
non sia tenuto fare servizj rusticani, nè dare la data, ecc.
Altri di tali giuramenti sono nel Muratori, _Antiq. M. Æ._, diss.
XLVII; e per esempio Guicellone da Camino e Gabriele suo figlio il 1183
facendosi cittadini di Treviso giuravano:
«Abiteremo in essa città d’ogni anno due mesi in tempo di pace, e tre
in tempo di guerra; qualora non ne siamo dispensati: ma in modo che,
standovi l’uno, non sia obbligato l’altro; faremo giustizia e ragione
sotto ai consoli o al podestà; apriremo tutte le borgate in pace e
in guerra ai Trevisani per far guerra ai loro nemici; con buona fede
e senza frode, custodiremo e salveremo i Trevisani e le cose loro in
tutt’i borghi e le ville nostre, in piano e in monte; faremo oste e
cavalcata, coi nostri uomini che sono dalla Livenza sin qua, liberi e
servi; se si farà colletta o boateria (tassa sui bovi) fuor di città
sopra i campagnuoli, vogliamo che vi obbediscano anche i nostri;
daremo opera e consiglio affinchè quelli di Conegliano vengano a
pace col Comune di Treviso, e prestino giuramento che noi prestiamo;
faremo giurare dieci uomini di ciascuna nostra parrochia (_curia_),
ad elezione dei consoli o del podestà, di seguirli e render ragione, e
guardare e salvare gli uomini di Treviso e le cose loro.
Il podestà e i consoli e il Comune di Treviso di rincontro giuravano,
salvare e mantenere essi da Camino, come qualunque cittadino di
Treviso, e i loro paesi e gli abitanti liberi o servi; se il comune
di Treviso distruggerà alcun loro castello, lo riedificheranno; non
osteranno a che ottengano ragione in qualunque lite o querela; non
impediranno le guerre private già in corso, quand’anche le parti
volessero fare il duello innanzi ad essi consoli o ai loro successori;
non s’intrometteranno delle liti di libertà, mosse dagli uomini del
loro contado; dan piena rimessione de’ danni e delle ingiurie passate,
e delle pene e multe e dei bandi; e non si brigheranno degli uomini
loro, abitanti di là della Livenza e in Cadubria; che se mancassero
in alcuna di queste promesse, pagheranno lire quattromila venete,
obbligando in sicurtà i beni comunali, di modo che possano occuparli e
prenderne i frutti; e tutto ciò sarà giurato ogni dieci anni da cento
militi e ducento pedoni.
Nel 1199 Alberto e Magninardo de’ conti Guidi cedevano ai Fiorentini
il castello di Semifonte, giurando sui vangeli di salvare, custodire,
difendere ogni persona della città di Firenze e dei borghi e sobborghi,
far carta di vendita del poggio di Semifonte, quale è contenuto coi
muri e le fossa, e _lasciar copiare_ dal podestà e dai consiglieri le
carte che vi sono; faran guerra quando ne siano domandati con lettere
portanti il sigillo del Comune, nè faran pace o tregua o accordo co’
nemici senza consenso del podestà o de’ consoli; abiterà ogn’anno un
di loro un mese in Firenze; faranno dazio al Comune di Firenze, sicchè
possa mettere accatto su tutti i beni e le persone loro; del quale
accatto metà andrà alla città di Firenze, metà al conte Alberto e sua
discendenza; di qualunque strada passi sulla loro terra e giurisdizione
non toglieranno pedaggio ad alcun cittadino o mercante di Firenze; non
faranno alcun castello, nè incastelleranno alcuna terra nel poggio fra
Virginio e l’Elsa, se non con permissione del magistrato di Firenze.
LAMI, _Memor. Eccl. florent._, pag. 389.
Di simili patti n’ha molti nel II volume delle Carte nei _Monum.
Hist. patriæ_. Così nel 1181 Ansaldo di Valenza giura la cittadinanza
di Vercelli, promettendo comprarvi una casa di cinquanta lire
pavesi ed abitarvi, difendere i Vercellesi, far guerra e pace con